La nostra pagina Youtube - Associazione culturale Italia-Russia Bergamo

Vai ai contenuti
“La guerra russo-ucraina. I perché del conflitto”
Il prof. Aldo Ferrari dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e membro del Comitato Scientifico della nostra Associazione, autore di innumerevoli libri e saggi, per l'Istituto per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI) di Milano dirige il Programma di Ricerca su Russia, Caucaso e Asia Centrale e ci aiuta a comprendere meglio quali sono le ragioni che hanno portato all’attuale tragica situazione del conflitto in corso tra Russia e Ucraina.
Pavel Muratov, "Viaggio in Puglia"
Nel settembre del 1924 Pavel Muratov compie un viaggio alla volta della Puglia, tappa mancante del suo viaggio in Italia immortalato già più di un decennio prima nelle Immagini d’Italia, di cui questo saggio sembra essere un’appendice. Edito da Universitalia con introduzione e traduzione di Donatella Di Leo e prefazione di Patrizia Deotto.
Gian Piero Piretto, Eggs Benedict a Manhattan - ricette metropolitane di un professore poco ordinario
L'autore, professore universitario "poco ordinario" di letteratura russa, propone racconti di viaggi che lo hanno portato in molte metropoli, senza mai rinunciare a mercati e fornelli. Un itinerario cultural-gastronomico tra città – Torino, Londra, New York, Berlino, San Francisco, Parigi, Istanbul – che si sono trasformate nel corso degli anni. Un'autobiografia gastronomica con quale Gian Piero Piretto intende condividere con i lettori ricordi, aneddoti e ricette da tutto il mondo. In collaborazione con la libreria “Incrocio Quarenghi” di Bergamo.
Ugo Persi e Michelange Ayangma, Ivan Bunin e i suoi bozzetti di viaggio. Esperienza di traduzione”
Ivan Bunin, poeta, autore di romanzi e racconti brevi, amico di Čechov e Gor’kij, è stato il primo russo a ricevere il premio Nobel per la letteratura. Il racconto del suo viaggio intrapreso a Istambul, Atene, in Egitto, Libano e Giudea nel 1907, insieme a visioni ed esperienze di altri viaggi da lui compiuti, rivelò l’unicità del suo talento, in cui prosa e poesia unite a vivida resa pittorica, nitido presente e ombre del passato mitologico s’intrecciano e confondono.
Ornella Discacciati e Daniela Steila, Nikolaj Černyševskij, Che fare?
Circondato da un’aura di scandalo e polemiche Che fare? è noto soprattutto per essere il romanzo rivoluzionario dell’Ottocento russo, fonte di ispirazione, tra gli altri, di Lenin. Pur nella discontinuità dei risultati artistici, permette al lettore di cimentarsi con la più grande utopia dell’epoca moderna, colmando con la sua potenza visionaria il vuoto della fredda dottrina ideologica.

Torna ai contenuti